Logo Splash Promessi Sposi
Promessi Sposi
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
La Folla rappresenta nel romanzo l'umanità di sempre. Nel sommarsi di tanti esseri, di figure d'ogni sesso, dd'ogni età, d'ogni ceto, le volontà personali quasi si annullano; la suggestione reciproca in tanta varietà di coscienze muove le masse e le agita nalla luce del bene, nelle tenebre del male, o nel grigiore che si stende uniforme sui margini del bene e del male. La folla nella sua ignoranza è crudela, quindi pronta a scambiare un sospetto con una certezza, e ripetere come cosa sicura cioò che fu detto come dubbio, a far diventare realtà una semplice ipotesi. Il Manzoni psicologo profondo della folla, ci rappresenta il dramma dell'ignoranza e dell'egoismo collettivi, delle passioni e della irrazionalità della massa, che ubbidisce impulsivamente ad una voce, ad un ordine qualsiasi, come elettrizzata da un fluido magnetico, che è la suggestione. La folla in tumulto si muove ed opera precipitosamente, con disordine, nulla la può fermare e nella sua corsa pazza eccede e trascende, anzi il più delle volte inconscia va contro i fini, per i quali si è sollevata. La massa, dominata dagli istinti, nei tumulti viene suggestionata ed agitata dai più audaci, dai facinorosi, i quali hanno buon gioco a soffiare nelle passioni che l'hanno accesa e spinta alla ribellione. I prudenti, coloro che sanno resistere all'istinto e seguono la ragione, o tacciono o vengono travolti dai primi e schiacciati. Nella folla, quale ci è rappresentata nelle pagine del romanzo, il Manzoni ha sempre un senso misurato della realà, né si lascia sorprendere dagli impulsi della massa e dalle varie passioni che l'agitano; la sua penetrazione nella vita e nelle manifestazioni più eterogenee degli istinti, è guidata da una saggezza sempre eguale ed equilibrata; con infallibile prontezza riesce a cogliere i pensieri che vengono spontanei, le uscite più naturali e più bizzarre del popolo in tumulto.