Promessi Sposi
Padre Cristoforo verso la casa di Lucia
La vicenda della nuova giornata si apre con una commossa descrizione del paesaggio autunnale che entra in contrasto con la tristezza degli uomini dovuta dall'avanzare della carestia. In questo scenario vediamo muoversi padre Cristoforo verso la casa di Lucia, con l'intuizione di andare ad ascoltare qualche disgrazia.
La storia di padre Cristoforo
Padre Cristoforo appare come un uomo forte ed energico anche se in lui sembrano esserci due personalità in lotta tra loro: la prima è dominata da un'indole focosa e risentita, la seconda, invece, è dominata dalla forza di volontà che riesce a controllare la sua natura inquieta. Il suo nome di battesimo fu Lodovico ed era figlio di un mercante divenuto ricco. Rimasto solo precocemente divenne padrone di un grande patrimonio. Lodovico provava disgusto per i soprusi della nobiltà e si schiera contro di essa usando anch'egli la violenza, la quale lo porta a pensare più di una volta di farsi frate. Ma la vocazione vera e propria gli nacque dopo uno scontro di sangue accadde circa trent'anni prima della storia di Renzo e Lucia. Lodovico stava procedendo col fedele servitore Cristoforo e alcuni bravi e si trova faccia a faccia con un nobile, noto per la sua arroganza, accompagnato da un manipolo di bravi, che non vuole cedergli il passo. Il giovane Lodovico non glielo concede in quanto si trova a destra. Il nobile, quindi, ordina ai suoi bravi di gettare nel fango il suo avversario, Lodovico a tale ordine mette la mano sulla sua spada e i due iniziano a combattere. Il duello termina con la morte di Cristoforo, il quale si era messo tra i due per salvare il suo padrone. Lodovico per vendicare la morte del fedele servitore uccide il nobile arrogante e si lascia condurre in un convento, dove vigeva il diritto di asilo. Qui sentì nascere la vocazione e si fece frate prendendo il nome di Cristoforo e lasciando tutti i suoi beni alla famiglia del servo scomparso.
Richiesta di perdono
Prima di iniziare la sua nuova vita diede prova del suo senso di umiliazione, andando a chiedere perdono alla famiglia del nobile ucciso. Arrivato al palazzo incontra il fratello del nobile e inginocchiandosi al suo cospetto chiede perdono con parole umili che fanno commuovere il gentiluomo e tutta la folla attorno a lui. Il signore commosso si alza in piedi e i due si abbracciano scambiandosi un bacio di pace.
Il pane del perdono
Il fratello del nobile vorrebbe fare un dono al novizio che sta per partire, ma quest'ultimo accetta solo un pezzo di pane in segno del perdono e si allontana dal palazzo venerato dalla folla.
L'uomo vecchio e l'uomo nuovo
Nel corso della sua vita monacale in padre Cristoforo permane il bisogno di Lodovico di difendere gli oppressi. Così si reca senza alcuna esitazione da Lucia per darle il suo aiuto e sentendosi in colpa per il consiglio che le aveva dato.

Sequenza Tempo Luogo Personaggi Argomento
30 narrativa 9 novembre, mattina Pescarenico fra Cristoforo fra Cristoforo esce dal convento
31 descrittiva stessa data tra Pescarenico e il borgo di Lucia fra Cristoforo, mendicanti, contadini, una fanciulla Pescarenico; paesaggio autunnale sereno; effetti della carestia
32 descrittiva fra Cristoforo ritratto fisico di fra Cristoforo
33 descrittiva verso il 1570 luogo imprecisato il padre di Lodovico (cioè di fra Cristoforo) carattere e comportamentodel padre di Lodovico
34 descrittiva verso il 1600 luogo imprecisato Lodovico carattere e comportamento di Lodovico da giovane
35 narrativa verso il 1600 strada cittadina di un luogo imprecisato, vicino a un convento di cappuccini Lodovico, il suo servo Cristoforo; un gentiluomo, bravi che li accompagnano scontro tra Lodovico e il gentiluomo; duello; ferimento mortale di Cristoforo e del gentiluomo
36 narrativa stessa data stesso luogo Lodovico; Cristoforo e il gentiluomo morenti; spettatori la folla spinge Lodovico a mettersi in salvo nel convento
37 narrativa stessa data infermeria del convento Lodovico, un frate chirurgo Lodovico è medicato
38 narrativa stessa data stesso luogo Lodovico, un padre assistente dei moribondi il padre comunica a Lodovico il perdono del gentiluomo e la morte dei due feriti
39 narrativa stessa data esterno del convento folla di curiosi; sbirri gli sbirri allontanano i curiosi e si appostano di guardia al convento
40 narrativa stessa data stesso luogo sbirri; i parenti del gentiluomo ucciso con bravi i parenti fanno la ronda davanti al convento
41 narrativa giorni successivi nel convento Lodovico riflessioni di Lodovico
42 narrativa stessa data stesso luogo Lodovico, il padre guardiano Lodovico comunica l'intenzione di farsi frate
43 narrativa giorni successivi vari luoghi i cappuccini; i parenti dell'ucciso reazioni dei cappuccini e dei parenti alla decisione di Lodovico
44 narrativa uno dei giorni successivi il palazzo del fratello del gentiluomo ucciso il padre guardiano; il fratello del morto colloquio tra i due
45 narrativa stessa data vari luoghi la famiglia del morto; i cappuccini; i dilettanti di cavalleria; il popolo; Lodovico reazioni all'accordo tra il padre guardiano e il fratello del morto
46 narrativa una data successiva convento dei cappuccini Lodovico Lodovico diventa cappuccino col nome di Cristoforo
47 narrativa stessa data stesso luogo fra Cristoforo, il padre guardiano il padre guardiano indica a fra Cristoforo il luogo del noviziato; Cristoforo vuole chiedere perdono ai parenti del morto
48 narrativa stessa data palazzo del fratello del morto il padre guardiano, il fratello del morto il padre guardiano comunica l'intenzione di fra Cristoforo e ottiene l'assenso del fratello del morto
49 narrativa stessa data convento dei cappuccini il padre guardiano, fra Cristoforo il padre guardiano comunica l'assenso del fratello a fra Cristoforo
50 narrativa stessa data palazzi dei parenti del morto fratello dell'ucciso, altri parenti il fratello del morto convoca i parenti per il giorno dopo
51 narrativa mezzogiorno del giorno successivo palazzo del fratello morto fra Cristoforo; i parenti del morto; servitori fra Cristoforo si presenta a chiedere il perdono e lo ottiene; accetta in dono un pane, poi esce
52 narrativa stessa data stesso luogo i parenti del morto reazioni dei parenti del morto
53 narrativa ore successive strada verso il luogo del noviziato di fra Cristoforo; casa di un benefattore fra Cristoforo; un benefattore viaggio e riflessioni di Cristoforo nella casa del benefattore Cristoforo mangia una parte del pane del perdono
54 narrativa trent'anni successivi luoghi imprecisati fra Cristoforo carattere e atteggiamenti di Cristoforo divenuto cappuccino
55 narrativa 9 novembre 1628, tarda mattinata casa di Lucia fra Cristoforo; Lucia, Agnese Cristoforo è accolto da Lucia e Agnese

< capitolo precedenteprossimo capitolo >